Tunisia 2014

Viaggio in moto per enduro non specialistiche svoltosi dal 23 aprile al 2 maggio 2014

Dieci giorni fra (poco) asfalto, tanto sterrato, infinite piste e divertenti dune di sabbia hanno regalato un divertimento incredibile e paesaggi da sogno ai partecipanti al viaggio OnOff-OnTour nel sud tunisin.

Chi c’è stato può rivivere quelle emozioni, e chi non c’era… oltre a mangiarsi le mani, può guardare cosa si è perso!

[nggallery id=23]

PROGRAMMA

TunisiaGGScheda del viaggio
Data: dalle ore 16.00 del 23/04/2014 alle 22.00 del 02/05/2014
Tipo di moto: enduro non specialistiche anche bicilindriche
Percorrenza totale in Tunisia: 1600 km circa di cui 50% sterrato (su asfalto il solo trasferimento)
Livello: medio, richiesta buona esperienza di base anche se non specifica
DURATA: 9 giorni
NUMERO MOTO: min. 10 – max. 12
Bagagli personali: trasporto a cura della macchina di appoggio
n°1 Tour Leader Istruttore Guida Sicura su Strada GSSS-FMI e IGF-Istruttore di Guida Fuoristrada in moto
n°2 Tour Leader collaboratori GSSS team in auto, esperti di raid in Africa

23 aprile – Genova
Ritrovo al porto alle ore 16.00. Partenza prevista ore 18.00. Compagnia GNV.
24 aprile – circa 80km
ore 18.00 circa arrivo al porto La Goulette, Tunisi. Dopo le pratiche doganali, via autostrada il gruppo raggiungerà
l’hotel in una delle località di mare affacciate sul Golfo di Hammamet per trascorrervi la notte.
Tunisia25 aprile – Golfo di Hammamet – Kairouan – Douz – circa 490 km
Lungo trasferimento per raggiungere il grande sud. Sosta pranzo nella vivace e caratteristica Medina di Kairouan, Patrimonio Unesco dell’Umanità e luogo importante per l’Islam per la presenza della più antica moschea del Maghreb. Nel tardo pomeriggio si attraverserà la grande depressione del lago salato Chott el Jerid: paesaggio surreale e bianchissimo non ci asterremo da percorrerne un tratto in moto. Arrivo al palmeto della cittadina di Douz, porta del Sahara.
26 aprile – Douz – Chott El Jerid – Douz – circa 130 km
La giornata verrà impiegata per un affascinante tour a sud del Chott el Jerid e approcciare così le prime piste sabbiose, in modo da approfondirne le tecniche di guida e prepararsi alla più impegnativa tappa del giorno seguente. A fine giornata percorreremo anche alcune delle piste sud del Chot sempre molto suggestive nella luce calante del sole, prima di rientrare su asfalto a Douz.
27 aprile – Douz – Ksar Ghilane – circa 110 km
E’ una classica dei raid e dei rally in terra di Tunisia. Piste veloci insabbiate, dunette in sequenza e infine il palmeto di Ksar Ghilane con la sua sorgente di acqua calda e circondato dal deserto. Da qualche anno l’oasi è raggiungibile anche per altra rotta asfaltata e quindi a volte è invasa da turisti del “tutto compreso” ma questo per noi che la raggiungeremo dal nulla del deserto non ne intacca affatto la suggestione. Pernotto in un campo tendato.
Tunisia28 aprile – Ksar Ghilane – Chenini – circa 90 km
Superate la prima fascia dunosa si esce verso il villaggio nuovo di Ghilane, da dove una pista fa decisa rotta est verso le montagne del Dahar. Sono i rilievi sassosi dove i berberi trovavano rifugio per contrastare le invasioni musulmane da nord, ed ancora alcuni villaggi di sasso vi si nascondono in reconditi valloni. Il fondo cambia rapidamente e ora è duro e sassoso, con un silenzioso susseguirsi di colline brulle e valloni piatti dove si procede per chilometri. Sarà una gola stretta nella roccia che ci guiderà verso la bella e integra Chenini, sovrastata dalla candida moschea. Il pernotto avverrà in un B&B in antiche case con camere scavate nella roccia viva.
29 aprile – Chenini – Tour Dahar – Chenini – circa 100 km
La zona a Sud Est di Chenini, si sviluppa tra le bellissime montagne del Dahar, con un susseguirsi di panorami sconfinati e villaggi nascosti con i loro antichi granai fortificati. Alcune piste di montagna si muovono per permetterci di scoprire queste rotte bellissime ma davvero poco note al turismo di massa.
Techine30 aprile – Chenini – Matmata – circa 130 km
La meta è la città di Matmata nota per le sue abitazioni trogloditiche scavate nella terra come ampi pozzi su cui si affacciano gli alloggi. La raggiungeremo per una pista di montagna che attraversa terre che sembrano lontano da tutto: in ampi tratti con l’elevarsi della quota si aprono ampi panorami. Alloggeremo in un hotel ricavato da un’abitazione tipica e visiteremo la casa dove sono state girate alcune scene del film Guerre Stellari.
1 maggio – Matmata – Tunisi – circa 450 km
Ultima giornata in Tunisia, occupata interamente dal trasferimento verso nord per lo più lungo l’autostrada costiera. Imbarco per Genova previsto ore 20.00.
2 maggio – Genova
Sbarco previsto per le ore 22.00.